Scuola7 10 settembre 2018, n. 103

Scuola7

la settimana scolastica

10 settembre 2018, n. 103


In questo numero parliamo di:

Istruzione professionale: avanti a mezzo passo! (D. Ciccone)

La formazione dei neoassunti: sperimentare l’innovazione e renderla strutturale (D. D'Amico)

Il Consiglio di Stato riconosce il diritto di scelta alimentare (C. Olivieri)

Diventare educatore negli asili nido (G. Ventura)

Summer School Ischia 2018: sintesi e materiali

Calendario prove Invalsi 2019

Assunzioni a tempo indeterminato personale ATA

Supplenze a.s. 2018/19: indicazioni operative

Calendario scolastico 2018/19


Settimanale di informazione scolastica.
© Tecnodid Editrice - Piazza Carlo III, 42 - 80137 Napoli

Parliamo diIstruzione professionale:
avanti a mezzo passo!
< Trascina

Istruzione professionale: avanti a mezzo passo!

Domenico CICCONE

Il nuovo quadro normativo

Con il DM 92/2018, apparso sulla Gazzetta Ufficiale del 27 luglio 2018 ed entrato in vigore l’11 agosto 2018, inizia la pubblicazione dei decreti attuativi del D.Lgs. 61/2017 che, in attuazione dell’art. 1, commi 180 e 181, della legge 107/2015, prevede la revisione dell’Istruzione Professionale (IP).

Gli ambiti di pertinenza del decreto, previsti dal comma 3 del D.Lvo, riguardano:

  • i profili di uscita degli 11 indirizzi di studio previsti;
  • i risultati di apprendimento declinati in termini di competenze con relative abilità e conoscenze;
  • il rapporto tra le ATtività ECOnomiche (ATECO), così come classificate dall’ISTAT, e la relativa correlazione con gli indirizzi di studio dell’IP;
  • i nuovi quadri orari con le puntuali articolazioni in termini di area generale ed aree distinte per ciascun indirizzo;
  • il rapporto di correlazione tra i percorsi quinquennali dell’istruzione professionale e le qualifiche (triennali) e diplomi (quadriennali) previsti dall’IeFP (Istruzione e Formazione Professionale);
  • le modalità con le quali si realizzerà il passaggio al nuovo ordinamento.

Nove articoli che ci mostrano come cambia l’Istruzione Professionale

Proviamo a sintetizzare in forma sinottica i nove articoli del decreto:

Art. 1.

Oggetto

Definisce l’oggetto e gli ambiti in cui si articola il regolamento.

Art. 2.

Definizioni

Vengono puntualmente riprese le definizioni del DPR 13/2013 in ordine all’apprendimento formale, non formale ed informale, nonché definito il glossario di riferimento per quanto attiene alle disposizioni del decreto.

Da notare, tra le altre, le definizioni di:

- “Progetto formativo individuale (PFI)”, un modello poderoso di innovazione didattica sancito dall’art. 5 del D.Lgs. 61/2017;

- “Unità di apprendimento” (UDA), quel modello progettuale che costituisce l’“insieme autonomamente significativo di competenze, abilità e conoscenze in cui è organizzato il percorso formativo della studentessa e dello studente.”

Art. 3.

Profili di uscita degli indirizzi e risultati di apprendimento

Sono definiti i profili di uscita dei percorsi di istruzione professionale così come indicati dal D.lgs. 61/2017:

a) agricoltura, sviluppo rurale, valorizzazione dei prodotti del territorio e gestione delle risorse forestali e montane;

b) pesca commerciale e produzioni ittiche;

c) industria e artigianato per il Made in Italy;

d) manutenzione e assistenza tecnica;

e) gestione delle acque e risanamento ambientale;

f) servizi commerciali;

g) enogastronomia e ospitalità alberghiera;

h) servizi culturali e dello spettacolo;

i) servizi per la sanità e l’assistenza sociale;

l) arti ausiliarie delle professioni sanitarie: odontotecnico;

m) arti ausiliarie delle professioni sanitarie: ottico.

Art. 4.

Passaggio al nuovo ordinamento

Disciplina le modalità di passaggio al nuovo ordinamento, prevedendo anzitutto un richiamo a quanto stabilito nell’allegato C del D.Lgs. 61/2017, e avvertendo altresì della prossima emanazione di Linee Guida che dovranno favorire e sostenere l’adozione del nuovo assetto didattico.

Art. 5.

Indicazioni per la definizione dei piani triennali dell’offerta formativa

Viene declinata l’articolazione dei quadri orari, secondo quanto previsto all’articolo 5, comma 1, lettera b) del D.lgs. 61/2017. Essa prevede che:

- nel biennio vi sia l’aggregazione delle discipline, di area generale e di indirizzo, negli assi culturali relativi all’obbligo di istruzione;

- nel triennio l’aggregazione debba essere destinata alle discipline dell’area generale.

Le istituzioni di IP, concepite come laboratori territoriali di ricerca, sperimentazione e innovazione didattica, devono attenersi al modello suggerito dal D.Lgs. 61/2017 in termini di finalità e principi ispiratori.

Intanto, a norma dell’art. 5, gli strumenti più opportuni e funzionali, in coerenza con gli indirizzi attivati e con i profili di uscita di cui all’articolo 3, sono costituiti:

-dalla quota di autonomia non superiore al 20% del curricolo;

-dagli spazi di flessibilità, entro il 40% dell’orario complessivo previsto per il terzo, quarto e quinto anno, nell’ambito dell’organico dell’autonomia.

Art. 6.

Indicazioni per l’attivazione dei percorsi

L’articolo fornisce indicazioni per l’attivazione dei percorsi e, partendo dal principio della personalizzazione dell’insegnamento, raccomanda ai consigli di classe l’adozione, nel termine già ribadito del 31 gennaio del primo anno di frequenza, del progetto formativo individuale (PFI).

I percorsi didattici, organizzati per unità di apprendimento, con l’utilizzo di metodologie di tipo induttivo e ricorso massiccio alle esperienze laboratoriali e di lavoro per progetti, devono essere impostati in maniera interdisciplinare con riguardo agli assi culturali.

Art. 7.

Indicazioni sulle misure nazionali di sistema

Le indicazioni tendono a garantire un passaggio al nuovo ordinamento nel quale l’aggiornamento riguardi tutto il personale della scuola, non solo i docenti.

Art. 8.

Indicazioni per la correlazione tra i titoli e i percorsi

La correlazione dei percorsi quinquennali dell’Istruzione Professionale con l’assetto della formazione professionale e dei suoi titoli è qui regolamentata. Nell’Allegato 4 al decreto vi è la correlazione attuale, che sarà oggetto di revisione non appena sarà aggiornato, in conferenza Stato-Regioni, il Repertorio nazionale delle qualifiche IeFP.

Art. 9.

Disposizioni finali

Modalità di attuazione del decreto nelle scuole di Trento e Bolzano, nonché nelle scuole con lingua slovena.

Quattro allegati che indicano la strada giusta

Gli allegati al decreto possono così essere schematicamente riassunti:

L’allegato 1 regolamenta il profilo di uscita dei percorsi di istruzione professionale per le attività e gli insegnamenti di area generale. Essendo previsto l’accorpamento delle discipline in assi culturali, sia nel biennio, per tutte le attività ed insegnamenti, sia per terzo, quarto e quinto anno, soltanto per le attività ed insegnamenti di area generale, è indispensabile ripensare completamente la declinazione delle competenze, già inserite nell’Allegato A al D.Lgs. 61/2017, in abilità e conoscenze.

L’allegato 2 è declinato in undici sezioni, contraddistinte da lettere alfabetiche e corrispondenti agli indirizzi di studio dell’IP. Per ciascuno di essi l’allegato:

  • descrive sinteticamente il profilo di uscita;
  • specifica, in termini di competenze, abilità minime e conoscenze essenziali, quali sono gli obiettivi di apprendimento che si aggiungono, in uscita dai percorsi, a quelli dell’area generale specificati nell’allegato 1;
  • elenca la referenziazione alle attività economiche ATECO, nonché la correlazione con i settori economico-professionali di cui al D.M. MLPS 166/2015.

Nell’allegato 3, a sua volta declinato in undici sezioni corrispondenti agli indirizzi, sono riportati i quadri orari. Essi sono strutturati con distinzione tra area generale e area di indirizzo.

Per il biennio i quadri orari sono considerati nella totalità del monte ore, pari a 1188 ore di area generale e 924 ore di area di indirizzo, di cui 264 ore per la personalizzazione degli apprendimenti.

Inoltre i quadri orari riportano, distintamente per il terzo, quarto e quinto anno di corso, gli insegnamenti di area generale (462 h) e di area di indirizzo (594 h), specificando altresì le attività di compresenza che, notoriamente, variano a seconda dei percorsi.

Nell’allegato 4 sono pubblicate le correlazioni tra qualifiche e diplomi IeFP – triennali e quadriennali – e indirizzi dei percorsi quinquennali dell’Istruzione Professionale, così come definiti dal decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 61, all’articolo 3, comma 3. In quest’ambito ci sono alcune novità che attengono all’arricchimento di alcuni indirizzi con altre qualifiche, già ricomprese nelle 22 specificate nel Repertorio nazionale di IeFP – Accordi in Conferenza Stato Regioni del 29 aprile 2010, 27 luglio 2011 e 19 gennaio 2012.

Emerge, quale elemento di arricchimento del contesto formativo dell’IeFP, la possibilità di conseguire le qualifiche triennali di Operatore grafico ed Operatore meccanico con riferibilità a più di un indirizzo. Invece, per quanto attiene ai diplomi professionali quadriennali, tale riferibilità plurima è data a quelli di Tecnico per l’automazione industriale e Tecnico grafico.

Il Decreto 92/2018, con un’ampia nota redazionale illustrativa, è pubblicato su Notizie della scuola n. 1 dell'1/15 settembre 2018.

Domenico Ciccone

La formazione dei neoassunti: sperimentare l’innovazione e renderla strutturale

Davide D'AMICO

Al via la formazione dei docenti neo-assunti

Anche quest’anno, nel mese di agosto, il Miur (Direzione generale per il personale scolastico) ha dato avvio all’anno di prova e di formazione, attraverso una circolare (prot. n. 35085 del 2 agosto 2018) contenente le indicazioni per gli Uffici Scolastici Regionali. Il fatto di aver reso una consuetudine l’uscita di questo atto ministeriale durante i mesi estivi è un indicatore di massima attenzione, da parte del Ministero, non solo verso le articolazioni periferiche (USR, UAT e scuole), ma anche e soprattutto verso gli insegnanti neoassunti. Infatti garantire che i docenti neoassunti siano accolti a scuola in modo adeguato già dai primi giorni di settembre, e che vengano messi a conoscenza delle caratteristiche della formazione che li attende durante il primo anno di servizio, nonché dei diritti e doveri connessi al loro nuovo status giuridico, rappresenta un segnale forte sulla necessità di investire sempre di più nel capitale professionale e culturale, per migliorare il sistema-istruzione del nostro Paese. Siamo al quarto anno di attuazione del nuovo modello formativo, che vedrà coinvolti circa 30.000 docenti su tutto il territorio nazionale. Si consolida quindi la misura di formazione rivolta ai neoassunti, che è ad oggi ben incardinata anche nei processi amministrativi del Miur.

Le caratteristiche del modello formativo

Il modello formativo, che ogni anno è rivisto e migliorato, è nato dalla necessità di costruire le basi per un sistema di formazione che sia fortemente interconnesso con lo sviluppo professionale del docente e con la definizione di «standard di competenze» disciplinari e trasversali. Inoltre il modello prevede una misurazione continua e granulare della qualità percepita dai docenti, e della qualità di processo del percorso formativo. Infatti la nuova formazione in ingresso è stata progettata come punto di partenza per i neoassunti, che accompagni tutta la carriera e lo sviluppo professionale del docente, ed è caratterizzata da modelli innovativi di attuazione, orientati fortemente all’innovazione digitale, al «bilancio delle competenze», alle attività laboratoriali e di ricerca-azione, che stimolano continue riflessioni e produzione di documentazione sulla didattica. La durata generale del percorso è di 50 ore, suddivise in: attività formative in presenza, rafforzando sempre di più la logica del “laboratorio” (in cui si privilegia lo scambio di esperienze, la pratica didattica, etc.), osservazione in classe “peer to peer” (da strutturare anche attraverso modelli di riferimento ormai consolidati, disponibili on-line), riflessione professionale (sostenuta dalla piattaforma digitale Indire, che consente di costruire un bilancio di competenze, di sperimentare l’utilizzo di un portfolio e di accedere a modelli per la redazione di un “patto per lo sviluppo formativo”). Il “visiting” a scuole innovative è confermato per 3.000 docenti, che possono, a domanda, sostituire parte del percorso laboratoriale con questa nuova attività. Inoltre, per quanto riguarda i laboratori formativi, si è cercato di rendere più flessibile l’organizzazione, con particolare riferimento ai contenuti, al tempo da dedicare a ciascun laboratorio e alla metodologia da adottare. La conduzione dei laboratori necessita quindi sempre di più non solo di competenze sulla materia, ma anche di competenze relazionali e di comunicazione, di gestione di gruppi; in pratica bisogna essere anche degli esperti “facilitatori”.

Le diverse fasi della formazione

1. Incontri propedeutici e di restituzione finale 

Questa fase prevede due incontri della durata di tre ore ciascuno, realizzati in genere a livello provinciale.

Nel primo incontro, propedeutico alla partenza del percorso formativo, l’Ufficio Scolastico Regionale, in collaborazione con gli ambiti territoriali, illustra ai docenti come sarà strutturata l’iniziativa, quali sono gli obiettivi e cosa ci si aspetta dai docenti neoassunti in un momento in cui la scuola sta cambiando. Inoltre possono essere illustrati i materiali di supporto e di accompagnamento alla gestione delle attività (modelli di bilancio di competenze e di portfolio, struttura dei laboratori formativi, etc.). La partecipazione anche dei “tutor” è essenziale, in quanto consente di condividere da subito informazioni e strumenti con gli incaricati della supervisione dei neo-assunti.

Nel secondo incontro, organizzato a conclusione del percorso formativo, si vuole invece fare il punto sulle iniziative svolte, su eventuali punti di forza e di debolezza, al fine di migliorare continuamente l’intera azione formativa. Nell’ambito di questo incontro è importante anche coinvolgere i diretti protagonisti degli eventi formativi, ed esperti del mondo della scuola che sappiano trasmettere entusiasmo ai neoassunti. È altresì importante individuare nuove metodologie di conduzione di questi incontri, in modo da evitare generiche assemblee plenarie.

2. I laboratori formativi

I laboratori formativi costituiscono le attività di formazione in presenza, e la loro organizzazione necessita di un’attenta pianificazione, in quanto tali attività devono essere il più possibile coerenti con i bisogni della scuola, e con quelli espressi dal neoassunto nel bilancio di competenze.

In pratica il neoassunto partecipa a 4 laboratori formativi di 3 ore ciascuno, per un totale di 12 ore, sulle seguenti aree trasversali:

  1. nuove risorse digitali e loro impatto sulla didattica;
  2. gestione della classe e problematiche relazionali;
  3. valutazione didattica e valutazione di sistema (autovalutazione e miglioramento);
  4. bisogni educativi speciali;
  5. contrasto alla dispersione scolastica;
  6. inclusione sociale e dinamiche interculturali;
  7. orientamento e alternanza scuola-lavoro;
  8. buone pratiche di didattiche disciplinari.

Questa metodologia di formazione consente una maggiore interazione tra docenti e uno scambio efficace di esperienze. È inutile sottolineare ancora una volta il ruolo del formatore/facilitatore, che deve garantire l’avvio di discussioni costruttive tra i docenti (che possono essere documentate anche all’interno della piattaforma on-line), nonché accompagnare l’eventuale attivazione di reti/comunità professionali della scuola. Sulla base dei monitoraggi degli scorsi anni è emersa l’esigenza di consentire una durata variabile dei moduli di laboratorio, anche maggiore delle 3 ore previste. Inoltre, per ciò che concerne i contenuti dei laboratori, oltre agli argomenti sopra citati, che riprendono quanto previsto dall’art. 8 del D.M. 850/2015, indagini svolte con i docenti hanno fatto emergere particolari esigenze sui seguenti temi: le didattiche innovative, l’uso delle nuove tecnologie, l’educazione alla sostenibilità e le forme di inclusione e integrazione.

3. Il peer to peer

L’attività dell’osservazione tra pari è una delle innovazioni più importanti introdotte dal D.M. n. 850 del 2015 per il periodo di formazione e di prova dei docenti neoassunti. Per ogni neoassunto il dirigente scolastico nomina un tutor. Questa figura è un docente con esperienza all’interno della scuola, che ha il compito di accompagnare il neoassunto durante tutto il periodo di prova e di formazione. Dobbiamo considerare che la scelta del tutor è strategica per garantire un efficace inserimento del neoassunto nel nuovo ambiente di lavoro. Infatti grazie al tutor, oltre ai momenti formali di osservazione in aula, il neoassunto potrà acquisire anche informazioni del contesto territoriale, della scuola, dei colleghi, e potranno svilupparsi anche relazioni di collaborazione utili al miglioramento della pratica didattica e alla riduzione dei tempi di inserimento.

Nel dettaglio, il “peer to peer” prevede una specifica attività di formazione/osservazione reciproca di 12 ore, così suddivisa:

  1. il docente neoassunto osserva il tutor durante un’attività didattica in classe;
  2. il docente tutor e il neoassunto riflettono insieme sul modo di fare didattica, sulla progettazione e sulla realizzazione dei contenuti (portfolio formativo);
  3. il docente tutor osserva il neoassunto durante l’attività didattica in classe, realizzata sulla base della precedente fase di riflessione;
  4. il docente tutor e il neoassunto si incontrano e si scambiano opinioni sull’esperienza.

L’osservazione reciproca ha quindi l’obiettivo di condividere le conoscenze implicite ed esplicite, di favorire lo scambio di esperienze attraverso una “relazione tra colleghi”, in cui il tutor è sullo stesso piano del neoassunto.

4. Il visiting

La sperimentazione del visiting realizzata lo scorso anno scolastico ha avuto anch’essa feedback positivi, sia da parte dei docenti neoassunti che delle scuole coinvolte.

È proprio per questo motivo che, durante questo anno scolastico, saranno 3.000 i docenti che potranno visitare scuole accoglienti che si caratterizzano per una consolidata propensione all’innovazione organizzativa e didattica, capaci di suscitare motivazione e interesse.

L’obiettivo è da un lato di stimolare e creare entusiasmo nei neoassunti su buone pratiche didattiche e organizzative, sviluppare comunità di relazioni, di collaborazioni e di pratica, dall’altro stimolare le stesse scuole al miglioramento continuo. Occorre comunque prestare attenzione, tramite attività di costante monitoraggio e rilevazione, affinché non vi siano distorsioni e le scuole individuate rappresentino effettivamente luoghi in cui vi è innovazione.

L’attività del visiting potrà avere la durata massima di due giornate (ciascuna di 6 ore), e sostituisce il monte ore dedicato ai laboratori formativi. L’attività svolta potrà essere comunque documentata attraverso le funzionalità previste sulla piattaforma on-line di Indire.

5. La formazione on-line

Per quanto riguarda le attività on-line, i docenti neoassunti si dovranno iscrivere, a partire dal prossimo novembre, sulla piattaforma http://noeassunti.indire.it, realizzata in collaborazione con Indire. L’attività di formazione on-line corrisponde ad un impegno di 20 ore. Questa piattaforma on line è una vera innovazione digitale nella formazione dei neoassunti, e rappresenta uno strumento di accompagnamento per il docente nelle diverse fasi del periodo di prova.

In particolare l’applicazione web consente di guidare il docente nella costruzione del:

  • bilancio iniziale delle competenze, attraverso un percorso di autovalutazione;
  • portfolio formativo, orientato a far emergere la “professionalità nel contesto” (biografia dell’insegnante, progettazione e riflessione didattica, materiali didattici);
  • bilancio finale delle competenze.

Inoltre, attraverso la somministrazione di questionari strutturati, consente il monitoraggio granulare di ogni fase del processo, in termini di efficacia (il completamento delle attività), qualità e utilità percepita dal docente in formazione. Dallo scorso anno la sezione Portfolio è stata arricchita da una nuova sezione denominata Laboratori/visite. Questa sezione consente ai docenti di documentare anche le esperienze formative in presenza, siano esse laboratori formativi sul territorio o visite a scuole innovative. Infine sono stati rivisti ed affinati gli strumenti previsti a supporto della documentazione delle attività didattiche, in modo da renderli maggiormente significativi e più semplici da compilare. Sulla medesima piattaforma rimane la possibilità di accedere a contenuti formativi on-line, in modalità di autoformazione. In particolare sono confermati anche i materiali didattici e le videolezioni prodotte da esperti sullo sviluppo sostenibile. In questo modo i docenti neoassunti potranno avere a disposizione contenuti utili per progettare materiali didattici specifici, e successivamente documentarli all’interno del proprio portfolio professionale.

In pratica la piattaforma on-line consente, nel pieno rispetto della privacy, di tenere traccia di ogni fase del percorso attraverso l’analisi delle attività svolte, il feedback dei docenti neoassunti e dei tutor.

I tutor

Gli oltre 80.000 tutor che hanno partecipato, negli ultimi tre anni scolastici, ai percorsi formativi dei docenti neoassunti, rappresentano un patrimonio professionale di inestimabile valore per il Miur. Infatti sono loro che sostengono e accompagnano l’ingresso dei neoassunti nella scuola, e che per primi devono trasmettere un forte entusiasmo alle nuove leve. È per questo che occorre cercare di valorizzare e riconoscere la figura del tutor accogliente, che si qualifica tra l’altro sempre più come un mentor, specie di coloro che per la prima volta si affacciano all’insegnamento. In questo senso le attività e l’impegno del tutor durante l’anno di prova e formazione potranno essere attestate dal dirigente scolastico come iniziative di formazione in servizio. Inoltre gli USR potranno realizzare, con quota parte dei finanziamenti Miur, percorsi di formazione a loro dedicati (per rafforzarne le competenze e per fornire strumenti operativi e metodologie utili), anche con il coinvolgimento di strutture universitarie ed enti accreditati. In genere a ogni docente è assegnato un tutor di riferimento (ogni tutor può avere assegnati al massimo tre neoassunti), preferibilmente della stessa disciplina, area disciplinare o tipologia di cattedra, ed operante nello stesso plesso.  Non è però da sottovalutare anche l’eventuale assegnazione di tutor di altre aree disciplinari, in modo da favorire contaminazioni interdisciplinari con i neoassunti, che possono stimolare anche lo sviluppo di futuri progetti didattici ad elevato contenuto di innovazione.

Organizzazione e finanziamenti

Come di consueto, i finanziamenti per la formazione dei docenti neoassunti verranno assegnati alle 319 scuole-polo per la formazione (presumibilmente entro il mese di ottobre, nella misura del 50% dei fondi), destinatarie delle risorse finanziarie del Piano formazione docenti 2016-2019. Il finanziamento conferma lo standard di costo pro-capite di 47 euro, già definito per le attività formative analoghe degli anni precedenti, comprensivo di una quota del 5% che verrà destinata agli Uffici Scolastici Regionali per misure organizzative, di coordinamento e di monitoraggio, nonché per la formazione mirata dei tutor di accoglienza. Le risorse finanziarie verranno distribuite sulla base del numero dei docenti neoassunti presente nel sistema informativo del Ministero, rilevato tramite la piattaforma SIDI. Sebbene il finanziamento sia erogato alle scuole-polo per la formazione, è importante il coinvolgimento delle altre scuole d’ambito territoriale, al fine di garantire una maggiore efficacia ed efficienza degli interventi formativi e delle procedure amministrative.

La formazione in servizio per consolidare la comunità professionale

La formazione per i docenti neoassunti rappresenta una vera innovazione per le metodologie, i contenuti, l’organizzazione e le tecnologie adottate. L’auspicio è di poter coniugare maggiormente la formazione in ingresso con quella in servizio, in modo da accompagnare il docente durante l’intero arco della vita lavorativa. In questo contesto occorre rafforzare costantemente la qualità degli strumenti, delle metodologie, dei formatori, dei tutor e della stessa gestione amministrativa, anche attraverso la lettura critica dei dati, delle informazioni e dei feedback rilevati ai diversi livelli organizzativi. I numeri, i dati, sono importanti per poter costantemente migliorare il modello formativo, ma è ancor più necessario costruire una coesione tra i diversi docenti; occorre quindi prestare particolare attenzione alle relazioni umane e professionali all’interno del mondo della scuola, favorendo la diffusione di quell’entusiasmo e quella voglia di fare didattica, che possono essere una linfa vitale sia per i neoassunti che per tutti coloro che operano all’interno del sistema-istruzione.  

Davide D’Amico

Summer School Ischia 2018: sintesi e materiali

“La scuola tra organizzazione e comunità. Idee e strumenti per un’autonomia efficace”: anche quest’anno la Summer School di Ischia è stata un’importante occasione per riflettere sui temi caldi della scuola, analizzandoli da molteplici punti di vista. Una sintesi sui lavori del convegno e i materiali da scaricare.

Si è svolto anche quest’anno ad Ischia, in un clima di grande partecipazione ed interesse, l’appuntamento estivo con gli scenari e le novità che attendono le nostre scuole. La Summer School, dedicata quest’anno ai temi dell’organizzazione e della comunità, per focalizzare Idee e strumenti per un’autonomia efficace, ha visto una partecipazione che evidenzia quanto la scuola non smetta di riflettere, confrontarsi e approfondire.

Una sintesi sui lavori del convegno (di Maria Teresa Stancarone)

I materiali del convegno (riservati ai soli partecipanti)


articolo originale


Calendario prove Invalsi 2019

Con una lettera inviata ai dirigenti scolastici l’Invalsi comunica la tempistica di svolgimento delle Rilevazioni degli apprendimenti 2019. Iscrizioni via web entro il 31 ottobre.

Lo svolgimento delle prove Invalsi 2019 si articolerà secondo il seguente calendario:

  • 3 maggio 2019: prova d’Inglese, V primaria;
  • 6 maggio 2019: prova di Italiano, II e V primaria; prova di lettura, classi campione della II primaria;
  • 7 maggio 2019: prova di Matematica, II e V primaria;
  • in un arco di giorni indicati da Invalsi tra l’1 e il 18 aprile 2019: prove CBT di Italiano, Matematica e Inglese, III secondaria di primo grado. L’arco temporale sarà indicato da INVALSI entro il 18 gennaio 2019 ed è variabile in ragione della dimensione della scuola e del numero di computer. All’interno di questo arco temporale la scuola può organizzare la somministrazione a propria discrezione, a eccezione delle classi campione (comunicate dall’INVALSI entro il 28 febbraio 2019) in cui le prove si svolgono secondo un calendario prefissato tra il 9 e il 12 aprile 2019;
  • in un arco di giorni indicati da Invalsi tra il 4 e il 30 marzo 2019: prove CBT di Italiano, Matematica e Inglese, V secondaria di secondo grado. L’arco temporale sarà indicato da INVALSI entro il 15 dicembre 2018 ed è variabile in ragione della dimensione della scuola e del numero di computer. All’interno di questo arco temporale la scuola può organizzare la somministrazione a propria discrezione, a eccezione delle classi campione (comunicate dall’INVALSI entro il 15 dicembre 2018) in cui le prove si svolgono secondo un calendario prefissato tra il 12 e il 15 marzo 2019;
  • in un arco di giorni indicati da Invalsi tra il 6 e il 18 maggio 2019: prove CBT di Italiano e Matematica, II secondaria di secondo grado. L’arco temporale sarà indicato da INVALSI entro il 28 febbraio 2019. All’interno di questo arco temporale la scuola può organizzare la somministrazione a propria discrezione, a eccezione delle classi campione (comunicate dall’INVALSI entro il 31 gennaio 2019) in cui le prove si svolgono secondo un calendario prefissato tra il 7 e il 10 maggio 2019.

Tra il 31 agosto e il 15 ottobre 2018 l’INVALSI rende disponibile sul proprio sito esempi di prove.

Per dar corso alle procedure connesse con le prove è necessario iscriversi, dalle ore 15.00 del 9 ottobre 2018 alle ore 16.30 del 31 ottobre 2018, seguendo le indicazioni fornite sul sito dell’INVALSI (https://invalsi­areaprove.cineca.it/index.php?get=static&pag=home).

La lettera inviata dall'INVALSI ai dirigenti scolastici


articolo originale


Prova scritta concorso DS

Manuale per la prova scritta - Come farsi leggere e apprezzare

a cura di Mariella Spinosi

Un libro operativo, aperto e flessibile, realizzato per le esigenze specifiche degli aspiranti dirigenti scolastici.

Nella prima parte ci sono le informazioni necessarie per scrivere bene, esempi pratici, suggerimenti per realizzare un testo semplice, chiaro e preciso.

La seconda parte spiega come potrebbero essere formulati i cinque quesiti della prova scritta, quali saranno gli aspetti fondamentali su cui fondare le risposte e quali azioni professionali possono essere richieste.

La terza parte contiene più di 100 quesiti suddivisi nelle nove aree tematiche previste dal Regolamento, con le nostre ipotesi di risposte.

Le pagine “per appunti” permettono di controllare il testo proposto, contrassegnare le informazioni più significative, ricostruire le frasi a modo proprio, inserire ulteriori concetti, ricordare i punti da approfondire.


maggiori informazioni


Raccolta Leggi Scuola e Pubblico Impiego

a cura di Sergio Auriemma

Una Raccolta Leggi pensata appositamente per i concorsi nel comparto istruzione, curata da Sergio Auriemma.

- contiene tutte norme di rango primario, prive di annotazioni, aggiornate a giugno 2018;
- gli atti normativi sono opportunamente selezionati e organizzati per la consultazione durante le prove scritte;
- sono raggruppati per aree tematiche e in sequenza cronologica;
- per trovare con facilità le norme di interesse sono disponibili tre indici: sistematico, cronologico e analitico.

Raccolta Leggi è lo strumento ideale per affrontare al meglio le prove concorsuali.


maggiori informazioni


Repertorio 2018

Dizionario normativo della scuola - XXXII edizione

Repertorio, Dizionario normativo della scuola, è uno strumento fondamentale per lo studio dell’ordinamento scolastico, l’aggiornamento professionale, la preparazione a pubblici concorsi.

Si compone di saggi, ordinati alfabeticamente e curati da esperti di settore, che illustrano in modo aggiornato ed approfondito i principali istituti giuridico-amministrativi, contrattuali e contabili del comparto scuola e del pubblico impiego: tematiche giuridiche, amministrative e talvolta anche didattiche, temi di attualità, questioni di diritto costituzionale, amministrativo, del lavoro e sindacale, di diritto fiscale, tributario, di contabilità pubblica.

Ciascuna voce sintetizza un argomento, ne mette in risalto gli aspetti salienti, enuncia le fonti normative, informa sul loro evolversi nel tempo, presenta considerazioni tecnico-giuridiche, notazioni, commenti. Attraverso l'analisi dei riferimenti normativi e le riflessioni svolte dagli autori, è possibile cogliere l’evoluzione cronologica delle norme, ricostruire la storia degli istituti giuridici, individuare le principali disposizioni in vigore.

L’opera può agevolare le attività negli uffici dell’amministrazione scolastica, nelle presidenze, nelle sale dei professori e nelle segreterie delle scuole, nelle sedi di Soggetti, Enti e Agenzie esterne che operano a contatto con il mondo dell’istruzione; e ancora le attività di competenza dei revisori contabili, l’assolvimento di impegni delle RSU.

Ne possono trarre specifica utilità anche gli aspiranti a pubblici concorsi, selezioni interne o prove di esame riferibili a tutte le figure professionali (ispettori, dirigenti scolastici, docenti, dsga, personale amministrativo).

Schemi di provvedimenti, fac simile di domande, istanze, documenti ministeriali o di altre autorità, tabelle riassuntive e modulistica, possono essere prelevati nell’apposita sezione on line.

maggiori informazioni

Competenze chiave per la cittadinanza

a cura di G. Cerini, S. Loiero, M. Spinosi

Indicazioni nazionali e nuovi scenari - Didattiche per competenze - Percorsi per la sostenibilità - Criteri per la valutazione e certificazione

 

Il libro affronta, con una pluralità di contributi pedagogici, disciplinari e didattici, il complesso tema delle competenze chiave per la cittadinanza, che tanta attenzione sta ricevendo dal mondo della scuola e dall'opinione pubblica.

L'occasione è legata alla pubblicazione, da parte del Ministero dell'istruzione, di due importanti documenti: “Indicazioni nazionali e nuovi scenari” e “Linee guida per la certificazione delle competenze” (entrambi nel 2018). Essi propongono una rivisitazione delle Indicazioni per il curricolo del 1° ciclo, che le scuole stanno attuando dal 2012.

Le trasformazioni culturali, economiche, demografiche, degli stili di vita e delle aspettative, richiedono infatti un ripensamento delle priorità dell'intervento educativo. Le istituzioni scolastiche hanno la responsabilità di promuovere una piena educazione alla cittadinanza e di coinvolgere maggiormente gli allievi attraverso la costruzione di nuovi ambienti di apprendimento.

Confermando il valore formativo degli alfabeti di base (la literacy, la numeracy, le lingue straniere), è importante esplorare, nell'ottica della sostenibilità, le potenzialità di strumenti di conoscenza come il digitale, il coding, la statistica, la stessa geografia, fino ad oggi un po' emarginata.

Il testo si snoda con linearità ed efficacia attorno ai temi di sfondo dei “nuovi scenari della cittadinanza” (Parte I), analizza il quadro di “nuovi saperi e discipline di frontiera” (Parte II), si inoltra lungo alcuni “percorsi operativi” ispirati alla didattica per competenze (Parte III), e offre suggerimenti per “la progettazione didattica, la valutazione, la certificazione e la formazione in servizio” (Parte IV).

L'intento è quello di fornire a insegnanti, formatori, dirigenti scolastici, alcune chiavi di lettura per affrontare con maggiore sicurezza i propri impegni, per migliorare la qualità dell'insegnamento ed i risultati degli studenti.

 

Contributi di: Roberto Baldascino, Giancarlo Cerini, Maria Loreta Chieffo, Luciano Corradini, Gino De Vecchis, Elena Fascinelli, Italo Fiorin, Rossella Garuti, Silvana Loiero, Maria Antonietta Marchese, Flavia Marostica, Filomena Nocera, Rosa Seccia, Mariella Spinosi, Maria Teresa Stancarone, Rosa Stornaiuolo, Paola Traverso


maggiori informazioni

Una piattaforma completamente rinnovata

Per la preparazione al concorso a dirigente scolastico, Tecnodid propone la Piattaforma DirCARD in una versione completamente rinnovata:

  • aggiornata alla luce degli ultimi scenari normativi;
  • integrata nei contenuti formativi;
  • arricchita con nuovi saggi di approfondimento;
  • ampliata con servizi inediti.

Il prossimo step del concorso è la prova scritta. La piattaforma presenta un’apposita sezione Indicazioni per la prova scritta, che contiene:

  • indicazioni teoriche e riflessioni sulla lingua per scrivere in maniera chiara e farsi apprezzare;
  • esempi di scritture e rubriche valutative;
  • 100 quesiti a risposta aperta per orientare l’organizzazione delle conoscenze;
  • quesiti con esempi di risposte in forma di saggio breve.

La piattaforma DirCARD offre tutto quanto serve per orientare al meglio il proprio studio e affrontare con sicurezza le prove concorsuali.

www.notiziedellascuola.it/formazione

Il Consiglio di Stato riconosce il diritto di scelta alimentare

Cinzia OLIVIERI

Il caso Benevento

All'avvio del nuovo anno scolastico giunge una pronuncia che dovrà essere tenuta in debito conto nell'organizzazione del tempo-mensa.

Dopo che, con la sentenza n. 01566/2018, il TAR Campania (Sezione Sesta) aveva accolto il ricorso presentato da  un gruppo di genitori, che avevano impugnato le deliberazioni n. 21/2017 (del Consiglio Comunale) e n. 121/2017 (della Giunta Comunale) adottate dal Comune di Benevento, con cui era stata sancita l’obbligatorietà del servizio di ristorazione scolastica con il divieto di consumare, nei locali in cui si svolge la refezione, cibi di fonte diversa – comportamento considerato, oltre che non corretto dal punto di vista nutrizionale, possibile fonte di rischio igienico-sanitario –, il Consiglio di Stato (CdS) ha respinto l'appello proposto dall'ente locale.

La pronuncia del Consiglio di Stato

Con la sentenza n. 5156/2018 il Giudice amministrativo ha dapprima affrontato le questioni di rito riguardanti le eccezioni relative al difetto di giurisdizione ed all'inammissibilità del ricorso introduttivo per carenza di interesse, ritenute entrambe infondate.

Richiamando consolidata giurisprudenza, in particolare, il Consiglio di Stato ha rilevato il “riconoscimento costituzionale dell’idoneità del giudice amministrativo ad offrire piena tutela ai diritti soggettivi, anche costituzionalmente garantiti, coinvolti nell'esercizio della funzione amministrativa (Corte cost., 27 aprile 2007, n. 140, a tenore della quale non vi è alcun principio o norma nel nostro ordinamento che riservi esclusivamente al giudice ordinario  - escludendone il giudice amministrativo - la tutela dei diritti costituzionalmente protetti)”.

Quanto all'eccepita carenza di interesse, il divieto di consumare pasti diversi da quelli forniti dall’impresa appaltatrice del servizio di refezione scolastica, oltre ad essere immediatamente operativo (c.d. regolamento self-executing), in quanto  incidente sulla sfera giuridica dei ricorrenti, limitandola,  risulta "idoneo ad arrecare agli stessi una lesione attuale e diretta: vuoi nella qualità di legali rappresentanti (art. 320 Cod. civ.) dei minori immediatamente toccati, quali alunni, dalla disposizione; vuoi nella qualità propria di genitori, come tali titolari della primaria funzione educativa ed alimentare nei confronti dei figli, e non solo dell’inerente formale obbligazione (art. 433, n. 3), Cod. civ.)".

Nel merito della sentenza

Ma soprattutto il CdS ha ritenuto l’appello infondato nel merito, in primo luogo evidenziando che "Vi è, anzitutto, un’incompetenza assoluta del Comune, che - spingendosi ultra vires - con il regolamento impugnato impone prescrizioni ai dirigenti scolastici, limitando la loro autonomia con vincoli in ordine all’uso della struttura scolastica e alla gestione del servizio mensa".

Ed invero il regolamento comunale interferisce con la circolare Miur n. 348/2017 che, in conseguenza del “riconoscimento giurisprudenziale” del diritto al pasto da casa, nelle more della pronuncia della Cassazione ha ammesso "la possibilità di consumare cibi portati da casa, dettando alcune regole igieniche ed invitando i dirigenti scolastici ad adottare una serie di conseguenziali cautele e precauzioni".

Il diritto di libera scelta alimentare

La scelta "restrittiva radicale" del Comune non solo non appare supportata da alcuna dimostrata ragione di salute o di igiene, ma soprattutto "limita una naturale facoltà dell’individuo – afferente alla sua libertà personale – e, se minore, della famiglia mediante i genitori, vale a dire la scelta alimentare: scelta che – salvo non ricorrano dimostrate e proporzionali ragioni particolari di varia sicurezza o decoro – è per sua natura e in principio libera, e si esplica vuoi all’interno delle mura domestiche vuoi al loro esterno: in luoghi altrui, in luoghi aperti al pubblico, in luoghi pubblici".

Il Consiglio di Stato ha quindi riconosciuto ai genitori il diritto di libera scelta alimentare, che può essere limitato solo laddove "sussistano dimostrate e proporzionali ragioni inerenti quegli opposti interessi pubblici o generali. Queste ragioni, vertendosi di libertà individuali e nell’ambiente scolastico, non possono surrettiziamente consistere nelle mere esigenze di economicità di un servizio generale esternalizzato e del quale non si intende fruire perché non intrinseco, ma collaterale alla funzione educativa scolastica; e che invece, nella situazione restrittiva data, verrebbe senz’altro privilegiato a tutto scapito della libertà in questione".

La sentenza afferma che l’impugnato regolamento, oltre a non preoccuparsi di cercare "un bilanciamento degli interessi" in gioco, "manifestamente non corrisponde ai canoni di idoneità, coerenza, proporzionalità e necessarietà rispetto all’obiettivo – dichiaratamente perseguito – di prevenire il rischio igienico-sanitario. E l’assunto che ‘il consumo di parti confezionati a domicilio o comunque acquistati autonomamente potrebbe rappresentare un comportamento non corretto dal punto di vista nutrizionale’ si manifesta irrispettoso delle rammentate libertà, e comunque è apodittico".

Chi deve garantire la sicurezza igienica degli alimenti?

Inoltre, come aveva anche rilevato il TAR, "l’inidoneità e l’incoerenza della misura emerge in particolare dalla considerazione che non risulta, ad esempio, inibito agli alunni il consumo di merende portate da casa, durante l’orario scolastico".

La sicurezza igienica degli alimenti portati da casa, se non può essere aprioristicamente esclusa da un regolamento comunale, va tuttavia "rimessa al prudente apprezzamento e al controllo in concreto dei singoli direttori scolastici, mediante l’eventuale adozione di misure specifiche, da valutare caso per caso, necessarie ad assicurare, mediante accurato vaglio, la sicurezza generale degli alimenti". È conseguenza logica, comunque, che anche in tal caso il diritto non può essere escluso, e quindi non vi potrà essere una interdizione generalizzata.

Tra genitori, dirigenti scolastici ed Enti locali

Per l'effetto la prescrizione regolamentare del divieto di permanenza nei locali scolastici per gli alunni che intendono consumare il pasto da casa "si rivela, pertanto, affetta da eccesso di potere per irragionevolezza, in quanto misura inidonea e sproporzionata rispetto al fine perseguito".

Una sentenza indefettibile, che riconosce il diritto di scelta delle famiglie ed impone una riflessione ad enti e scuole, compensando tuttavia le spese di giudizio, in virtù della peculiarità della controversia, che pure costituisce oggetto di approfondimento giurisprudenziale ormai da due anni.

Una ragione di più per costruirlo davvero, questo patto con le famiglie.

Cinzia Olivieri

Diventare educatore negli asili nido

Gabriele VENTURA

La formazione degli educatori nel sistema integrato 0-6 anni

Il D.Lgs. 65/2017, emanato nel mese di maggio 2017, per quanto riguarda i titoli di studio necessari per i servizi educativi da 0 a 3 anni definiva una prospettiva che aveva bisogno di un ulteriore provvedimento attuativo specifico.

Successivamente, a dicembre 2017, con l’approvazione dei commi da 594 a 601 nella legge finanziaria per il 2018 (ex disegno di legge Iori-Binetti-Santerini, ora legge 27-12-2017, n. 205) è stato ridefinito il percorso formativo di base per gli educatori sociali (ora educatori professionali socio-pedagogici) che operano nel campo socio-educativo e socio-assistenziale, prevedendo l’istituzione di un nuovo corso di laurea triennale, valido in verticale per gli educatori impegnati in servizi relativi a diverse fasce di età e contesti lavorativi. 

Si riproponeva quindi la necessità di un ulteriore provvedimento finalizzato a definire i contenuti, nonché tempi e modi di attivazione di un ulteriore percorso formativo specifico per svolgere adeguatamente il ruolo di educatore nei servizi educativi da 0 a 3 anni (in applicazione dell’art. 4, comma 1, lett. e), D.Lgs. 65/2017).

Dagli indirizzi del D.Lgs. 65/2017 alle indicazioni attuative del DM 378/2018

Il DM 9 maggio 2018, n. 378, pubblicato nel mese di agosto 2018, risolve questa lacuna, definendo le caratteristiche di un corso di specializzazione (60 cfu) per gli educatori laureati triennali della classe L19, e per i laureati in Scienze della Formazione primaria che intendono lavorare anche nei servizi per la prima infanzia da 0 a 3 anni.

L’istituzione dei nuovi corsi di laurea triennali e dei corsi di specializzazione annuali è demandata agli atenei, con decorrenza a partire dall’a.s. 2019/2020.

Continueranno a essere validi i titoli di laurea triennale in Scienze della formazione primaria a indirizzo nido conseguiti prima dell’approvazione delle nuove norme, posto che questi corsi di laurea già esistevano in alcune università e in alcune regioni (Emilia-Romagna, Toscana e Lombardia).

È anche prevista nel decreto la possibilità di iscrizione al terzo anno del corso di laurea in Scienze della formazione primaria per coloro che conseguiranno in futuro la laurea triennale ad indirizzo nido.

Per chi intende lavorare anche nel sistema 0-6

In modo analogo veniva previsto dal D.Lgs. 65/2017 un percorso formativo integrativo per i laureati in scienze della formazione primaria che intendono lavorare anche nei servizi educativi da 0 a 3 anni.

Le università dovranno provvedere a organizzare due distinti percorsi di specializzazione a carattere specifico per i servizi educativi per la prima infanzia: uno per i laureati in Scienze dell’educazione e uno per gli insegnanti di scuola dell’infanzia e primaria.

I 60 cfu aggiuntivi alla laurea quinquennale in Scienze della Formazione Primaria (caratterizzata da un curricolo prevalemente basato sulle discipline) sono finalizzati a fornire quelle competenze di carattere educativo centrate sulla cura e sulla promozione di livelli graduali di autonomia e di abilità comunicative verbali e non verbali a chi, dalla scuola d’infanzia, intende transitare nel nido e/o nel più ampio panorama dei servizi educativi da 0 a 3 anni.

Titoli validi nella fase transitoria

Tutto ciò non riguarda in linea di principio chi già lavora ad oggi a tempo indeterminato nei servizi educativi 0-3 anni, avendo conseguito un diploma di scuola secondaria e/o una laurea triennale in Scienze dell’educazione prima della decorrenza delle nuove norme (31 maggio 2017), titoli riconosciuti come validi per i servizi educativi da 0 a 3 anni nell’ambito delle normative regionali vigenti (art. 14, comma 3).

La circolare ministeriale che accompagna la pubblicazione del decreto si sofferma ampiamente su aspetti interpretativi delle norme approvate, in risposta a vari tipi di quesiti, pervenuti nel periodo antecedente all’emanazione, da parte di Regioni, Anci e organizzazioni sindacali di categoria, chiarendo la prospettiva con decorrenza dall’a.s. 2019/20, e precisando le condizioni della gestione transitoria che si proietta fino alla piena applicaizone della nuove norme.

Il profilo professionale dell’educatore dei servizi per la prima infanzia

Interessante sottolineare che il DM 378/2018 introduce per la prima volta sul piano normativo una definizione puntuale del profilo professionale dell’educatore dei servizi per l’infanzia, omogeneo su scala nazionale. L’art. 1 infatti definisce il contesto di svolgimento delle attività, il metodo di lavoro di natura collegiale, e stabilisce un elenco di competenze di base, che vengono poi riprese nell’indicazione degli argomenti relativi agli ambiti disciplinari e alla quantificazione dei relativi crediti formativi, che sono previsti in modo prescrittivo per l’attivazione del corso di specializzazione.

Tutti gli articoli successivi al primo riguardano il corso di specializzazione, e ne definiscono i dettagli in ordine all’accesso e al riconoscimento di crediti maturati nell’ambito delle attività pregresse nei servizi educativi, o nell’ambito di altri corsi universitari.

Fa parte integrante del corso di specializzazione lo svolgimento di un tirocinio attivo, con l’assistenza di figure tutoriali e il superamento di una prova finale.

Sviluppi sul piano delle opportunità lavorative (al Sud… al Nord…)

Il percorso formativo integrativo previsto per coloro che, essendo laureati in Scienze della formazione primaria, intendano trovare opportunità di lavoro nei servizi educativi al di sotto dei 3 anni, parrebbe risultare appetibile dal punto di vista delle opportunità lavorative soprattutto nelle regioni meridionali, laddove la dinamica demografica decrescente determina già ora una riduzione delle disponibilità di posti nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria, mentre risultano cronicamente carenti i servizi educativi per la prima infanzia da 0 a 3 anni.

Diverso è il caso delle regioni del centro-nord, dove per effetto combinato di fattori diversi (minore calo demografico, maggiore diffusione di servizi educativi da 0 a 3 anni e carente programmazione dei posti relativi ai corsi di laurea in Scienze della formazione primaria)[1] il dato più rilevante ad oggi è la carenza strutturale di insegnanti di scuola d’infanzia.

Per operare nei percorsi di continuità educativa 0-6 anni

È da guardare con favore la possibile diffusione, in un arco di tempo pluriennale, di un numero crescente di laureati in possesso contemporaneamente dei requisiti necessari per insegnare sia nei servizi educativi da 0 a 3 anni che nella scuola d’infanzia.

Questa condizione infatti consentirebbe di pensare ad una gestione coerente di poli scolastici 0-6, anche dal punto di vista dell’impiego del personale, per tutti i soggetti gestori (pubblici – amministrazione scolastica compresa – e/o privati accreditati e/o paritari) che siano interessati a sviluppare questa opzione, senza mettere in discussione il quadro ordinamentale, che mantiene tuttora una distinzione fra servizi educativi afferenti al sistema nazionale di educazione e istruzione (comprensivo dei servizi educativi 0-3 anni) e sistema nazionale di istruzione (nell’ambito del quale il punto di partenza resta individuato nella scuola d’infanzia).

A che punto siamo con i "poli per l’infanzia"

Saranno da monitare anche in questo senso l’avvio e lo sviluppo della sperimentazione istituita dal decreto ministeriale n. 637 del 23 agosto 2017 sui poli scolastici 0/6, per la quale si attendono ancora ulteriori passi attuativi sul piano operativo, dopo la conclusione dell’istruttoria relativa all’individuazione da parte delle regioni dei progetti di massima e delle localizzazioni per l’attuazione dei medesimi.

L’unico impegno amministrativo, al momento, è rappresentato dalle caute indicazioni contenute nella nota Miur n. 404 del 19 febbraio 2018, sull’avvio del sistema educativo integrato dalla nascita fino a 6 anni.

Gabriele Ventura


[1] La programmazione dei posti si basa irrazionalmente solo sul fabbisogno relativo alla scuola d’infanzia statale, laddove, per quanto riguarda le scuole d’infanzia, questa rappresenta solo il 60% dell’offerta di servizio complessiva nel sistema nazionale di istruzione.

Assunzioni a tempo indeterminato personale ATA

Autorizzato un contingente di 9.838 unità di personale A.T.A ai fini della stipula dei contratti a tempo indeterminato per l’a.s. 2018/19. Pubblicata la tabella con la ripartizione per provincia e profilo professionale.

La nota 1 agosto 2018 prot. n. 34930 trasmette il decreto 1 agosto 2018, prot. n. 576, con il quale il Miur autorizza un contingente di assunzioni a tempo indeterminato di personale ATA per l'anno scolastico 2018/189 pari a 9.838unità, di cui 305 LSU della provincia di Palermo e 789 a tempo parziale al 50% relativo alla procedura di stabilizzazione dei co.co.co. nei profili di assistente amministrativo e tecnico. Le assunzioni sono effettuate sui posti vacanti e disponibili per l'intero anno scolastico, e hanno decorrenza giuridica dal 1 settembre 2018 ed economica dalla data di effettiva presa di servizio.

Si darà corso alle nomine del personale beneficiario dei contratti a tempo indeterminato, utilizzando le graduatorie permanenti provinciali vigenti (relative all’a.s. 2018/19).

Il numero di contratti a tempo indeterminato resta comunque subordinato alla  disponibilità del corrispondente numero di posti nell’organico di diritto provinciale per l’anno scolastico 2018/19, dopo l’effettuazione dei movimenti relativi a tale anno e su posti che risultino vacanti e disponibili dopo le operazioni di utilizzazione e assegnazione provvisoria.

Per permettere l’utilizzo di eventuali aspiranti ancora presenti nelle graduatorie per responsabile amministrativo (legge 124/2009), o in altre graduatorie ancora non esaurite, o per sanare eventuali contenziosi in essere sulla mobilità professionale,  è  stato assegnato  un apposito contingente per la nomina dei DSGA.

È possibile effettuare compensazioni a livello provinciale  solo fra i vari profili della medesima area professionale o in area inferiore, nel caso in cui non possano essere disposte nel profilo professionale interessato tutte le assunzioni autorizzate per assenza di graduatorie concorsuali o per avvenute coperture di tutte le disponibilità.

È possibile stipulare, ricorrendone i requisiti e le condizioni, contratti in regime di part-time.

Al personale sarà assegnata la sede definitiva tramite la partecipazione alle operazioni di mobilità relative all'a.s. 2019/20.


articolo originale


Supplenze a.s. 2018/19: indicazioni operative

Diramate da parte del Miur le annuali istruzioni in merito al conferimento delle supplenze al personale docente, educativo ed A.T.A. Le relative informazioni (disponibilità dei posti, calendari e sedi delle convocazioni) devono essere pubblicate in tempo utile sui siti istituzionali degli UU.SS.RR.

Con nota 28 agosto 2018, prot. n. 37856 il Miur fornisce istruzioni in materia di attribuzione di supplenze al personale scolastico per l’a.s. 2018/19.

La nota riporta le istruzioni distinte per il personale docente, educativo e ATA, e contiene indicazioni puntuali relativamente a: supplenze brevi, posti di sostegno, licei musicali e coreutici,  conferimento di ore di insegnamento pari o inferiori a 6 ore settimanali, disposizioni particolari per la scuola primaria, insegnanti di religione cattolica, supplenze su posti part-time, priorità di scelta della sede, assunzioni personale avente diritto alla riserva dei posti, presentazione della documentazione di rito.

La stipula del contratto, analogamente a quanto avviene per le assunzioni a tempo indeterminato, opportunamente perfezionata dal Dirigente scolastico attraverso le funzioni del sistema informativo, rende immediatamente fruibili gli istituti di aspettativa e congedo previsti dal CCNL. È inoltre estesa al personale a tempo determinato la possibilità di differire la presa di servizio per i casi contemplati dalla normativa (es. maternità, malattia, infortunio, etc…).

Ove al primo periodo di assenza del titolare ne consegua un altro, o più altri, senza soluzione di continuità o interrotto da giorno festivo, o da giorno libero, ovvero da entrambi, la supplenza temporanea viene prorogata nei riguardi del medesimo supplente già in servizio, a decorrere dal giorno successivo a quello di scadenza del precedente contratto.

È consentito, unicamente durante il periodo di espletamento delle operazioni di attribuzione di supplenze e prima della stipula dei relativi contratti, che l’aspirante rinunci, senza alcun tipo di penalizzazione, ad una proposta contrattuale già accettata, relativa a supplenza temporanea sino al termine delle attività didattiche, esclusivamente per l’accettazione successiva di proposta contrattuale per supplenza annuale, per il medesimo o diverso insegnamento.

Analogamente, durante il periodo di espletamento delle operazioni di attribuzione di supplenze e prima della stipula dei relativi contratti, è consentito rinunciare ad uno "spezzone" per accettare una supplenza su posto intero sino al 30 giugno o 31 agosto, purché all'atto della convocazione non fossero disponibili cattedre o posti interi, fatta salva comunque, in ogni modo, la possibilità del completamento orario.

Qualora dopo lo scorrimento di tutte le graduatorie, ivi comprese quelle di circolo e di istituto, occorra ancora procedere alla copertura di posti di personale docente, i competenti dirigenti scolastici dovranno utilizzare le graduatorie delle scuole viciniori nella provincia.

Le informazioni riguardanti le operazioni di conferimento delle supplenze (disponibilità dei posti ed ogni loro successiva variazione, calendari e sedi delle convocazioni ecc.) devono essere pubblicate in tempo utile sui siti istituzionali degli UU.SS.RR., in modo che le relative procedure, fasi e adempimenti risultino il più possibile chiari e accessibili.


articolo originale


Calendario scolastico 2018/19

Pubblicata da parte del Miur l'ordinanza che trasmette il calendario nazionale delle festività e degli esami, e i calendari scolastici regionali per il prossimo anno scolastico 2018/2019.

L'ordinanza Miur 24 agosto 2018, n. 600 fissa il calendario delle festività e degli esami per l'anno scolastico 2018/2019.

 

Esame di Stato I ciclo

Si svolge nel periodo compreso tra il termine delle lezioni e il 30 giugno 2019, secondo i calendari definiti dalle singole commissioni.

 

Esame di Stato II ciclo

La prima prova scritta si svolge il giorno 19 giugno 2019 alle ore 8.30. La prima prova scritta suppletiva verrà svolta il giorno 3 luglio 2019 alle ore 8.30.

 

Istruzione degli adulti

L'esame di Stato conclusivo del primo periodo didattico dei percorsi di I livello per gli studenti iscritti e frequentanti i Centri Provinciali per l'istruzione degli adulti si effettua in via ordinaria al termine dell'anno scolastico secondo il calendario stabilito dal dirigente scolastico, sentito il collegio dei docenti.

Per i candidati per i quali il patto formativo individuale prevede un percorso di studio personalizzato tale da concludersi entro il mese di febbraio 2019, è prevista la possibilità di svolgere l'esame di Stato entro il 30 marzo; a tal fine la comunicazione di attivazione della sessione straordinaria è trasmessa all'USR competente.

L'esame di Stato conclusivo dei percorsi di secondo livello per gli alunni iscritti e frequentanti i Centri provinciali per l'istruzione degli adulti inizia con la prima prova scritta, che si svolge nella medesima data del 19 giugno fissata per l'esame di Stato II ciclo.

 

Prove Invalsi

Le prove scritte a carattere nazionale predisposte dall'Invalsi si svolgono, secondo calendari specifici per ciascuna istituzione scolastica, nel periodo compreso tra:

  • l'1 e il 18 aprile 2019, per le classi terze della scuola secondaria di primo grado;
  • il 4 e il 30 marzo 2019, per gli studenti dell'ultimo anno della scuola secondaria di secondo grado.

 

Calendario delle festività

  • tutte le domeniche;
  • il 1° novembre, festa di tutti i Santi;
  • l'8 dicembre, Immacolata Concezione;
  • il 25 dicembre, Natale;
  • il 26 dicembre;
  • il 1° gennaio, Capodanno;
  • il 6 gennaio, Epifania;
  • il giorno di lunedì dopo Pasqua;
  • il 25 aprile, anniversario della liberazione;
  • il 1° maggio, festa del lavoro;
  • il 2 giugno, festa nazionale della Repubblica;
  • la festa del santo patrono.

articolo originale


Ricostruzione di Carriera


Per rispondere ai bisogni complessi degli operatori della scuola, che spesso non hanno vite lavorative lineari, Tecnodid presenta Carriera Scuola, un software per lo sviluppo e il controllo delle ricostruzioni di carriera, ad uso sia di persone singole che di enti e associazioni di categoria.

Per utilizzarlo basta la sola connessione a internet: nessun programma da installare e nessuna manutenzione, in quanto gestito direttamente da Tecnodid. Con l’inserimento di poche informazioni anagrafiche e relative al servizio pre-ruolo e di ruolo, il software sviluppa la carriera del personale del comparto scuola (compresi gli insegnanti di religione ed i passaggi di ruolo con relativa temporizzazione) e definisce gli inquadramenti retributivi.

Restituisce la riproduzione del decreto di ricostruzione come dovrebbe essere, in modo da poter controllare la correttezza del provvedimento ufficiale, e visualizza i possibili passaggi di gradone futuri. Saranno poi implementate funzioni previdenziali, come la determinazione della prima data teorica per il perfezionamento del diritto a pensione.


per maggiori informazioni




© Tecnodid editrice

Coordinamento redazionale a cura di Giancarlo Cerini

Direttore responsabile Gabriella Crusco

Autorizzazione Tribunale di Napoli n. 65 del 20/12/2016

Email: info@scuola7.it

Privacy

Iscrizione alla newsletter di «Scuola7»

Per ricevere la newsletter di «Scuola7» inserire la propria e-mail nella pagina di iscrizione.

Si potrà annullare l'iscrizione a questa newsletter in qualsiasi momento.

Archivio numeri precedenti «Scuola7»

Per la consultazione dei numeri precedenti di «Scuola7» visitare http://www.scuola7.it/archivio.