Un pensiero strategico per l’infanzia?

Lo spartiacque della pandemia Il fatto nuovo (stravolgente) che ha contrassegnato il 2020 fin dal mese di febbraio (spartiacque che segna un prima e un dopo su scala planetaria) è stata l’emergenza sanitaria derivata dalla pandemia, con un corredo di conseguenze su piano della gestione dei servizi educativi e scolastici per l’infanzia. Le prime risposte sono state sul piano della

Stato di attuazione del Dlgs 65/2017 e del Piano nazionale di sviluppo del sistema0-6 In un precedente intervento (marzo 2019) avevamo dato conto dell’andamento dei finanziamenti previsti attraverso canali vari e diversi canali per lo sviluppo del Piano nazionale del sistema 0-6. Può essere utile proporre un aggiornamento di quel quadro alla data di oggi alla luce di quanto è

Prerequisito di base: condizioni di sicurezza e prevenzione garantite La necessità di garantire condizioni di prevenzione e sicurezza per adulti e bambini all’interno dei servizi educativi 0-3 anni e nelle scuole d’infanzia di qualunque tipologia di gestione (statale, comunale e privata autorizzata e/o paritaria) può essere realizzata (secondo le indicazioni più aggiornate del CTS) attraverso: – un’adeguata organizzazione degli spazi

La ripartenza dei servizi educativi e scolastici da zero a 6 anni L’emergenza sanitaria ha comportato conseguenze di pesante incertezza sul presente e sul futuro dei servizi educativi e scolastici da 0 a 6 anni, nonché per la condizione di vita delle famiglie con bambini in età prescolare. Alla fase di chiusura forzata ne è seguita una seconda e una

Il banco di prova del sistema integrato 0-6 anni Il Garante per l’infanzia e l’adolescenza si preoccupa dei LEP (livelli essenziali di prestazione) In occasione del trentennale della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, l’Autorità garante per infanzia e adolescenza (Agia) ha pubblicato una proposta che individua quattro livelli essenziali delle prestazioni (Lep) per i diritti di bambini e

Due proposte concrete sulla cosiddetta “assistenza”

L’assistenza per l’autonomia e la comunicazione può e deve essere migliorata Da quando “l’assistenza per l’autonomia e la comunicazione” degli alunni disabili (1), a seguito del passaggio dei collaboratori scolastici nei ruoli dello Stato (2), è stata forzatamente suddivisa in “due segmenti”, ovvero da un lato “l’assistenza di base” e dall’altro “l’assistenza specialistica” (3), il sistema è andato in crisi

La cornice complessiva di attuazione e monitoraggio del Piano 0-6 Il Piano nazionale di sviluppo del sistema di educazione e istruzione per i bambini da 0 a 6 anni si trova al suo secondo anno di attuazione. Non sono però ancora stati attivati gli organismi previsti nel D.lgs. 65/2017: Cabina di regia per il monitoraggio del Piano e Commissione tecnica

La formazione degli educatori nel sistema integrato 0-6 anni Il D.Lgs. 65/2017, emanato nel mese di maggio 2017, per quanto riguarda i titoli di studio necessari per i servizi educativi da 0 a 3 anni definiva una prospettiva che aveva bisogno di un ulteriore provvedimento attuativo specifico. Successivamente, a dicembre 2017, con l’approvazione dei commi da 594 a 601 nella legge

Un’agenda per la scuola L’ANCI (Associazione Nazionale Comuni di Italia) ha inviato a fine giugno al nuovo Ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, un promemoria nel quale si riepilogano le questioni più rilevanti ed urgenti, dal punto di vista dei comuni, su alcune questioni relative al mondo della scuola. Si riporta di seguito una sintesi dei punti essenziali contenuti nella nota. Edilizia

Il decreto interministeriale per la programmazione degli organici della scuola 2017-2019 Una prima bozza di decreto interministeriale sugli organici delle scuole di ogni ordine e grado per il triennio 2017-2019 è stata presentata in Conferenza Unificata (Stato – Regioni – Autonomie Locali) il 9 novembre 2017 per il prescritto parere. La bozza contiene poche novità di carattere generale e registra