Il rapporto tra scuole e Invalsi Questa nota nasce dal confronto tra due convegni recentemente organizzati dal nostro Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Scolastico. Due convegni che mi hanno fatto nascere una domanda fulminante, in questi tempi in cui pare essere messo in discussione il ruolo dell’Istituto almeno come incarnato in questi anni (cfr. Cavadi, Scuola7.it, n. 117). La

La nota 3050 del 4 ottobre 2018 fornisce una sintesi dei lavori in corso per l’esame di Stato del secondo ciclo, di cui esaminiamo uno degli aspetti più innovativi e didatticamente rilevanti, i Quadri di Riferimento (QdR). Data la specificità della prima prova scritta (v. Muraglia), ci concentreremo solo sulla seconda prova d’esame. L’esame di “maturità” non c’è più Tutti

Si valuta per migliorare Una scommessa sul futuro delle scuole. Così si racconta il libro “La dimensione territoriale del miglioramento: una sfida solidale” di Tecnodid Editrice, stampato alcune settimane fa a cura dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia Romagna[1]. Le tre parti del libro ruotano intorno ad un’idea chiave: il miglioramento delle scuole non è affare privato di ciascuna singola istituzione

Un impianto, per ora, confermato Come diceva un collega ispettore alla riunione dei presidenti delle commissioni dell’esame di Stato delle scuole superiori, la novità dell’esame di quest’anno è che non ci sono novità. E così ci troviamo come tra color che son sospesi, tra un già (una macchina non priva di criticità, ma che quest’anno ripropone lo schema collaudato e rassicurante di procedure

I tam-tam hanno cominciato a battere da qualche tempo: la macchina Invalsi ha ancora il motore caldo per le visite esterne 2016 appena concluse, e già è cominciata la preparazione di quelle previste per la primavera 2017. Come si svolge la visita esterna? Di cosa parliamo? Il DPR 80/2013, nell’istituire il Sistema Nazionale di Valutazione (SNV), prevede che, accanto all’autovalutazione delle

Le reti alla prova della legge 440 & dintorni

Le risorse finanziarie per i Piani di Miglioramento Due buone notizie: ci sono soldi per aiutare le scuole a migliorare, e verranno premiate le scuole che decideranno di spenderli insieme. Sembra questa la sintesi del Decreto della DG Ordinamenti e Sistema di Valutazione, DDG 1046 del 13/10/2016. In una precedente nota di Scuola7 (“Fondi legge 440”, Scuola7 n.15) è stato presentato